Alimenti energetici

Nell'alimentazione quotidiana, bisogna stabilire la quantità di nutrimenti energetici che sono necessari al buon funzionamento dell'organismo e a un suo corretto metabolismo, ma oltre a questo l'organismo deve anche assorbire, ogni giorno e ad ogni pasto, una certa quantità di alimenti non energetici ma funzionali e indispensabili alla vita.  Deve esserci un equilibrio fra gli alimenti energetici e non energetici.
Gli alimenti energetici sono delle sostanze organiche che rientrano in tre categorie, con somiglianze di costituzione e di proprietà, le quali permetoono al corpo di mantenere la sua normale temperatura e gli forniscono le energie necessarie al suo complesso funzionamento.
Le tre categorie dei principali alimenti energetci sono:
1. I protidi o albumine, che sono alimenti plastici e costruttivi
2. I lipidi o sostanze grasse, che sono alimenti calorigeni
3. I glucidi o idrati di carbonio, che sono produttori di energia per eccellenza.
Per il metabolismo basale è indispensabile che questa tre categorie forniscano le calorie necessarie e vengano assorbite contemporanemente e in modo equilibrato fra loro.  Quando una di queste sostanze si trova in quantità insufficiente, le altre due categorie vanno a sostituire le sostanze carenti o mancanti poichè entro certi limiti biologici sono intercambiabili fra loro, secondo il principio dell'isodinamica.
Nell’ alimentazione energetica minerali e vitamine devono essere assorbite in modo equilibrato per permettere che i singoli atomi, con i loro protoni ed elettroni, producano l’energia atomica naturale – vibrazionale.
Alla base di ogni alimentazione energetica è presente l’associazione e l’equilibrio vibrazionale degli atomi, che nell’insieme con i loro protoni ed elettroni producono le cariche nucleari intra ed extra cellulari.
L’alimentazione energetica permette di raggiungere l’equilibrio energetico nell’organismo, in ogni singolo organo e nelle singole cellule.